beMine, un’esplosione di luce


beMine è la lampada scultura di Barberini&Gunnell che suscita insieme timore e attrazione per la sua “pericolosa” bellezza

Lo studio di architettura e design Barberini&Gunnell, nasce nel 2009 ad Ancona dall’unione professionale di Francesco Barberini e Nina Alexandra Gunnell e si specializza nel product e industrial design e nella progettazione di pezzi unici e serie limitate, pezzi a metà strada fra il design e la scultura.

be-mine

Ne è un perfetto esempio la lampada beMine 33, una rivisitazione in chiave contemporanea (e non esplosiva) di una mina marina, in forma di lampada a sospensione o da terra illuminata da 33 lampade alogene. La lucentezza dell’acciaio inox lucidato a specchio e i riflessi sulla superficie della sfera trasformano questa lampada in un oggetto quasi astratto e metafisico, un archetipo di bellezza assoluta e di perfezione.
L’idea in realtà nasce da un ricordo d’infanzia della madre di uno dei designer:

“Dopo la guerra, ancora bambina, vide una vecchia mina di profondità inesplosa che giaceva dormiente, pericolosa e affascinante sulla spiaggia. Abbiamo voluto far rivivere le sensazioni provate dalla bambina davanti a quel misterioso oggetto che emanava paura, rispetto e una celata bellezza, trasformando un terribile strumento di guerra in una sorgente di illuminazione, un’esplosione di luce.”

be-mine-detail

mine

be-mine-barberini-gunnell-detail

be-mine-studio-barberini-gunnell

Lascia il tuo commento