Jacob Hashimoto: l’insostenibile leggerezza dell’arte


Sono un’esplosione di colori le installazioni fluttuanti dell’artista americano Jacob Hashimoto, aquiloni contemporanei che piovono dall’alto in forme sempre diverse

Jacob Hashimoto è un artista americano nato nel 1973 che vive e lavora a New York. La sua produzione artistica si ispira alle sue origini giapponesi. L’artista crea leggerissime strutture tridimensionali composte da migliaia di piccoli “aquiloni” in miniatura realizzati a mano in bamboo e carta di riso, sospesi nello spazio con fili di nylon in diversi strati e livelli.

jacob-hashimoto-kites

Le installazioni tridimensionali di Jacob Hashimoto rappresentano il punto d’intersezione fra scultura e pittura, fra paesaggio e astrazione. Il visitatore può osservare l’opera d’arte da ogni angolazione muovendosi intorno ad essa a 360° apprezzando le variazioni di colore, forma, trasparenza e luce al mutare della prospettiva, vivendo un’esperienza sensoriale assolutamente personale che regala un senso di meraviglia e giocosità.

jacob-hashimoto

Fino al 12 settembre 2015 alla galleria Studio La Città di Verona sarà possibile ammirare dal vivo alcune opere a parete su telaio e l’ultima installazione site specific di Jacob Hashimoto dal titolo “Never Comes Tomorrow“, opere ispirate alle correlazioni tra spazio, tempo e astronomia, ai pianeti, alle costellazioni e ai buchi neri.
Opere che sono l’espressione di una sperimentazione con materiali per lui inconsueti: cubi di legno sospesi arricchiti da elementi in metallo, plastica e cartone. Leggerezza, immaterialità, luminosità e trasparenza rimangono però anche in questo caso i tratti distintivi di questo originale artista.

Jacob Hashimoto – Never Comes Tomorrow
Studio La Città, Verona
Dal 16 Maggio al 12 Settembre 2015

jacob-hashimoto-installations

jacob-hashimoto-kite

the-other-sun-jacob-hashimoto