Le copertine del New Yorker e la modernità di Stanley W. Reynolds


Le copertine del New Yorker sono famose in tutto il mondo perchè da sempre affidate a bravissimi artisti e illustratori e, nei ruggenti anni venti, alla matita di Stanley W. Reynolds

L’arte delle copertine illustrate sulle riviste di moda o attualità negli Stati Uniti ha avuto il suo massimo splendore nel periodo fra il 1880 e il 1960 quando l’evoluzione delle tecnologie di stampa, i costi ridotti della carta e la facilità delle spedizioni postali fecero crescere come mai prima la diffusione di periodici e riviste. In questo periodo editori e inserzionisti delle più diffuse pubblicazioni dell’epoca, andavano alla ricerca di artisti capaci di creare illustrazioni che potessero comunicare visivamente con il loro pubblico in uno stile unico, sofisticato e moderno.

stanley-w-reynolds-night-out

Il New Yorker fu pubblicato la prima volta il 17 Febbraio 1925 dall’editore Arold Ross e presto divenne un punto di riferimento per la cultura americana. Pubblicato con cadenza settimanale, era famoso per il suo taglio intelligente e sagace, l’attenzione alla narrativa e per le vignette che apparivano su ogni numero.
Rea Irvin fu il primo art director del New Yorker, colui che regalò alla rivista il suo stile unico e di successo, impostandone le caratteristiche fondamentali, disegnando il font art deco per il logo, impostando il layout a tre colonne del magazine e illustrando la celebre mascotte Eustace Tilley per la copertina del primo numero.
Oltre a lui furono tanti gli artisti chiamati a contribuire al successo del magazine rendendo iconiche le copertine del New Yorker, illustratori che seppero tradurre in immagini l’atmosfera di entusiasmo e la voglia di vivere dei Roaring Twenties, i ruggenti anni venti, un periodo d’oro per la musica con l’esplosione dell’età del Jazz ma di enorme fermento anche per la letteratura, l’arte e per l’emancipazione femminile.

stanley-w-reynolds-couple-smoking

Uno degli illustratori più bravi di quegli anni fu Stanley W. Reynolds, su cui però è molto difficile reperire notizie. Sicuramente fu uno degli artisti più apprezzati per il suo stile moderno e ironico, dal tratto sinuoso e asciutto che ha caratterizzato le copertine del New Yorker dal 1925 al 1927. Tutto quello che sono riuscita a scoprire su Stanley W. Reynolds è che era nato a Detroit nel 1895 e si trasferì a New York per lavorare come illustratore per l’editoria. Realizzò moltissime illustrazioni per i libri e per diverse pubblicazioni, in particolare per le copertine del New Yorker, di Vanity Fair e di Harper’s Bazaar. Sembra che avesse una sola mano in seguito a un incidente avvenuto da bambino quando la mano gli rimase schiacciata sotto la ruota di una carrozza. Era molto benvoluto e rispettato ma morì prematuramente nel 1930.
Una cosa è certa però, ci ha lasciato una serie di illustrazioni deliziose che è un piacere ammirare ancora oggi a distanza di 90 anni!

stanley-w-reynolds-the-newyorker-1926

stanley-w-reynolds-illustrazioni

stanley-w-reynolds-newyorker-1926

stanley-w-reynolds-the-newyorker-cover

  • […] uno degli illustratori più bravi e richiesti degli ultimi anni, ha realizzato alcune bellissime copertine del New Yorker e ha pubblicato numerosi libri illustrati. Ha vinto moltissimi premi assegnati dalla Society of […]

  • […] uno degli illustratori più bravi e richiesti degli ultimi anni, ha realizzato alcune bellissime copertine del New Yorker e ha pubblicato numerosi libri illustrati. Ha vinto moltissimi premi assegnati dalla Society of […]