Packaging sostenibile per un mondo migliore

packaging sostenibile

Il packaging sostenibile è il modo migliore per dimostrare la sensibilità ambientale di un brand, con l’obiettivo di arrivare a zero scarti e aiutare il nostro pianeta

Siamo tanti, troppi, sul nostro piccolo pianeta e le risorse naturali non sono infinite. E’ nostro interesse quindi favorire la sostenibilità ambientale ovvero usare le risorse naturali in modo ottimale favorendo l’uso di energie rinnovabili con l’obiettivo di arrivare a zero scarti, anche grazie a un packaging sostenibile!

La sostenibilità infatti si può ottenere in tanti modi diversi: non solo utilizzando materiali riciclati e riciclabili ma anche creando imballaggi più leggeri, ottimizzando peso e volume del packaging per ridurre la quantità dei materiali impiegati e, di conseguenza, massimizzando le quantità di prodotto trasportate per singolo viaggio.
Ormai questa è una strada obbligata che sarà sempre più battuta: basti pensare che secondo una ricerca commissionata nel 2015 da Tetrapack circa il 70% dei consumatori è disposto a spendere di più per un prodotto eco-friendly. E non solo per il prodotto in sé ma anche per un packaging sostenibile: dai prodotti alimentari, a quelli legati alla salute e bellezza, fino all’abbigliamento o gli oggetti per la casa, una confezione amica dell’ambiente contribuisce a migliorare la percezione del prodotto e a renderlo più attraente per il consumatore attento.
Ecco quindi alcuni esempi interessanti in cui il packaging ha quasi più appeal del contenuto!

Il packaging idrosolubile che si scioglie con l’acqua

DISSOLVE è un imballaggio per lo spazzolino da denti progettato dal designer canadese Simon Laliberté.
L’involucro è realizzato in PVA un composto polivinilico non tossico e biodegradabile al 100% mescolato a pasta di cellulosa, piegato e termosaldato e stampato con inchiostro nero di soia. Tutto ciò per raggiungere l’obiettivo zero scarti. Dissolve infatti è solubile in acqua in appena 10 secondi e si scioglie completamente senza lasciare tracce!

dissolve-toothbrush-packaging

THE DISAPPEARING PACKAGE è il progetto che lo studente di design Aaron Mickelson ha ideato per la sua tesi di laurea. Con l’obiettivo di ridurre al minimo la produzione di rifiuti, ha studiato ben 5 tipologie di prodotti diversi cercando di ideare dei packaging alternativi e sostenibili. Fra questi la scatola della saponetta che si scioglie sotto l’acqua della doccia. Anche in questo caso il materiale usato è totalmente naturale e non tossico, può essere lavorato sagomato e stampato e costituisce l’imballaggio perfetto per il prodotto finchè non è posto sotto l’acqua e si dissolve completamente. Problema rifiuti risolto!

disappearing-package

Il packaging riutilizzabile e multifunzione

HANGERPACK è un imballaggio da spedizione che si trasforma in stampella, cambiando funzione per ridurre gli sprechi. Quando era ancora studente, il designer newyorkese Steve Halsip ha avuto l’idea  come soluzione a un suo problema pratico: stanco di ricevere per posta t-shirt sgualcite e di avere sempre meno stampelle a disposizione nel suo armadio, ha inventato questo packaging riutilizzabile, che cambia funzione e non genera rifiuti.
Hangerpack non è in produzione ma ha vinto il D&AD Student Award in 2007.

hangerpak

LUNCHBOX è una confezione per sandwich progettata da Emma Smart, una designer inglese che l’ha appositamente studiata per la catena di supermercati inglese ASDA. Declinata in tre diverse versioni, Healthy, Satisfying e Children, una volta aperta si trasforma in un colorato supporto per i panini, con divertenti illustrazioni che rappresentano una tavola apparecchiata. Lunchbox è un modo simpatico per riutilizzare la confezione anche dopo aperta, sfruttando al massimo il packaging e regalandogli una nuova vita.

sandwich-plate-packaging

sandwich-eco-friendly-packaging

Il packaging organico 100% riciclabile

HAPPY EGG è un packaging sostenibile che si ispira alla naturalità delle uova e al nido delle galline. Un packaging per uova realizzato in paglia pressata ideato da Maja Szczypek con l’obiettivo di minimizzare e semplificare l’impiego dei materiali naturali. Questo packaging sostenibile utilizza solo materiali naturali ed è totalmente biodegradabile oltre a ricordare al tatto, alla vista e anche all’olfatto, le origini del prodotto!

packaging sostenibile happy eggs

NATURALLY CLICQUOT 3 è l’evoluzione di due precedenti versioni di packaging sostenibile per il famoso champagne. Nemmeno la prestigiosa maison francese Veuve Clicquot è indifferente alla sostenibilità dei propri prodotti di alta gamma e, mentre Naturally Clicquot 1 e 2 erano packaging isotermici biodegradabili a base di amido di patate e carta, Naturally Clicquot 3, realizzato in collaborazione con Favini e DS Smith, è un packaging organico  fatto di un materiale derivato dagli scarti di lavorazione dell’uva. Oltre all’impiego di questa carta ecologica, sono state utilizzate vernici prive di solventi per la grafica e un composto a base di canna da zucchero per incollare l’etichetta.

packaging-biodegradabile-veuve-clicquot

Il packaging commestibile… a zero scarti

Nuovi materiali vengono costantemente studiati per poter ridurre al minimo gli scarti dei prodotti alimentari. E quale miglior soluzione se non quella di creare un packaging commestibile?

SCOFF-EE CUP è una tazzina da caffè commestibile pensata dal team del Robin Collective (un collettivo di designer, chef e artisti) per la catena KFC. Scoff-ee Cup è fatta di biscotto avvolto in un rivestimento di zucchero e uno strato di cioccolato bianco resistente al calore. Man mano che il cioccolato si scioglie il biscotto si ammorbidisce sciogliendosi in bocca ma non in mano. Le tazzine sono anche aromatizzate con diverse essenze (olio di cocco, erba e fiori) per emanare col calore profumi positivi e confortevoli associati al caldo, al sole e all’estate.
Sembra fantastica e di sicuro qui non si butta via niente! Voi che ne dite, vi piace?

edible-coffee-cup

LOLIWARE EDIBLE CUPS nati da un’idea delle designer Chelsea Briganti e Leigh Ann Tucker sono bicchieri commestibili fatti di un materiale a base di alga agar-agar ed essenze naturali a base di frutta.
Sono disponibili in diversi gusti: Yuzu Citrus, Tart Cherry, Matcha Green Tea, Vanilla Bean o naturale senza aromi e possono contenere acqua o altri liquidi a temperatura ambiente o freddi ma anche gelati o dessert.
Una volta finito il drink, Loliware si può sgranocchiare o compostare nell’umido essendo naturale al 100% e totalmente biodegradabile.
loliware-edible-cups