Globe Garden, la poltrona ergonomica come un albero in salotto

poltrona ergonomica globe garden 2014

Globe Garden è la poltrona ergonomica ispirata a un albero che ricrea la sensazione di sedersi su un ramo regalando libertà di movimento e comodità

Ben 31 anni fa il designer Peter Opsvik ha progettato una poltrona ergonomica con l’obiettivo di liberare il corpo e consentire a chiunque di sedersi comodamente nella posizione preferita. Per sedersi comodamente infatti non sono sempre necessari una seduta e uno schienale. Il corpo umano è capace di adattarsi a qualunque sostegno assumendo le posizioni più assurde trovandole allo stesso tempo super comode. Anche se è sempre consigliabile sedersi correttamente e assumere una corretta postura, a volte rilassarsi facendo decidere le nostre membra può essere divertente, come quando scaliamo un un albero per sdraiarci su un ramo.
Ecco come è nata la poltrona ergonomica Globe Garden!

“Our ancestors lived in the trees! When I designed Garden in 1985 I wanted to show how the norms of sitting nicely and sitting correctly can be broken.”

poltrona ergonomica globe garden

Ergonomia ed espressività

Peter Opsvik è un industrial designer norvegese, noto per le sue sedie e poltrone ergonomiche innovative, come il suo sgabello basculante “Variable”. Le sue sedute non convenzionali si focalizzano sugli aspetti dell’ergonomia e della funzionalità ma anche sull’espressività dell’oggetto e sulle sue caratteristiche emotive.

LEGGI ANCHE: Sedie da ufficio ergonomiche pra passato presente e futuro

Fin dagli anni ’50 l’ergonomia si occupa di definire le linee guida nel design dei prodotti in relazione all’utente.
Dagli anni ’70 in poi il contributo di Peter Opsvik è stato quello di creare sedie e poltrone che potessero ispirare e consentire differenti posizioni del corpo. La libertà di muoversi senza vincoli e di trovare posizioni alternative è il fulcro della sua ricerca e il suo obiettivo è sempre stato quello di creare sedute dinamiche in cui trovare diversi stati di equilibrio fra il corpo e la sedia che può eventualmente riconfigurarsi in modi diversi in funzione della posizione assunta.

La poltrona ergonomica Globe Garden in particolare è la più iconica della sua produzione, un po’ come un albero da salotto: alta 1,80 mt, con la seduta a 1,20 mt da terra, è composta da un cuscino centrale e da 6 sfere imbottite montate su rami, che fungono da appoggi per il corpo. Altre due sfere in legno di faggio sono i supporti per i piedi e aiutano a sollevarsi da terra.

La poltrona ergonomica nella versione dell’85

La Globe Garden è tornata nuovamente in produzione dopo oltre 30 anni grazie a Moment AB e la nuova versione, rispetto a quella del 1985 è stata rivisitata per renderla ancora più bella e contemporanea. La linea è più organica e i “rami” ora si prolungano fino a terra come fossero delle radici mentre nella versione originale c’era un piedistallo circolare. In ogni caso si tratta di un oggetto che non passa inosservato e che può trovare posto in un ambiente domestico così come in un luogo pubblico o di rappresentanza.

poltrona ergonomica globe garden - 1985

Poltrona ergonomica Globe Garden (Stokke, 1985)

poltrona ergonomica globe garden - 2014

Poltrona ergonomica Globe Garden (Moment AB, 2014)

  • […] celebre e senza tempo è lo sgabello basculante “Variable” progettato nel 1979 da Peter Opsvik. Richiamando probabilmente le teorie new age in voga quegli anni, questa seduta ergonomica è […]