Richard Kalvar, il lato buffo della vita

richard kalvar calendario lavazza

Il fotografo Magnum Richard Kalvar ha l’incredibile capacità di cogliere il momento in cui l’ordinarietà della realtà si concede in un attimo di distrazione facendo intravedere per un istante, l’assurdità e il lato buffo della vita

Richard Kalvar è uno dei grandi fotografi del ‘900, uno dei maestri della fotografia contemporanea.
Completata l’università dove aveva studiato Letteratura Inglese e Americana, nel 1965 iniziò a lavorare come assistente del fotografo di moda Jérôme Ducrot ma un viaggio in Europa nel 1966 lo convinse a diventare un fotografo indipendente. Nel 1977 Richard Kalvar è diventato membro della celeberrima agenzia Magnum Photos.

Richard Kalvar 1969. Woman looking at herself in store window

Per più di 40 anni, almeno per i suoi scatti personali, ha praticato quasi esclusivamente la fotografia in bianco e nero e viaggiando in tutto il mondo, principalmente in Francia Italia, Inghilterra, Giappone e Stati Uniti, ha portato avanti sempre con coerenza la sua idea “astratta” della fotografia:

“The photograph is completely abstracted from life, yet it looks like life. That is what has always excited me about photography.”

e ancora:

“In order for the mystery to work, you need abstraction from reality. Black and white is an additional abstraction, in addition to selective framing, to the freezing of the moment that in reality is a part of an infinite number of other moments… you have one moment and it never moves again; you can keep looking at the picture forever. The black and white is one more step away from reality. Color, for me, is realer, but less interesting.”

Richard Kalvar, Pantheon square 1980

Le foto di Richard Kalvar rappresentano situazioni assolutamente ordinarie e banali in cui per un istante si forma una crepa nella realtà, che lascia intravedere una scintilla di follia, di comicità o di stranezza.
Non sono molti i fotografi che scattano foto divertenti ma il suo approccio è sempre stato sempre quello di vedere il lato umoristico della vita, fermando l’attimo in cui le regole sociali o le situazioni più banali deragliavano dalla normalità.
Il suo occhio eccezionale e la sua capacità di cogliere il momento giusto, gli hanno permesso di scattare fotografie divertenti e sorprendenti, immortalando il momento in cui l’ordinarietà della realtà si concede in un attimo di distrazione. Un occhio divertito sul mondo, che ci mostra con ironia e sottile umorismo l’assurdità e il lato buffo della vita.

Richard Kalvar Tired Dog, Paris 1974

richard-kalvar

Richard Kalvar, Rome 1978

Richard Kalvar Paris 1972

Richard Kalvar Magnum Photos

Richard Kalvar Rome 1981, Hair dresser's, via Veneto

Richard Kalvar Rome, Gianicolo 1981

PS – La foto in alto è tratta dal Calendario LavazzaFriends&More” che Richard Kalvar ha realizzato nel 2001 insieme alla fotografa belga Martine Franck.

Lascia il tuo commento