In Extremis, corpi senza rimpianti di Sandro Giordano

Sandro Giordano Fotografo In Extremis - Sobria

Personaggi che si schiantano al suolo oppressi dall’ansia di apparire: la serie fotografica di Sandro Giordano ci strappa un sorriso facendoci riflettere su un mondo basato sulla falsità

Inaugura oggi a Milano la mostra fotografica “IN EXTREMIS (bodies with no regret)” di Sandro Giordano. Una serie di scatti che il fotografo romano porta avanti dal 2013 e che si pongono come piccole storie rappresentative di un mondo in disfacimento in cui verità e finzione sono gli antagonisti che si scontrano nell’eterna lotta dell’apparire.

Come scrive lo stesso autore sul suo sito:

Le mie fotografie sono “racconti” su un mondo che sta cadendo. Ogni scatto racconta di personaggi logori che, in un improvviso black-out della mente e del corpo, si schiantano senza alcun tentativo di salvarsi. Non sono in grado, a causa della fatica della rappresentazione quotidiana della vita, oppressi dall’apparenza anziché semplicemente esistenti. Viviamo in un mondo distorto di chirurgia plastica, che perpetua immagini stereotipate che alimentano un modello di marketing predefinito.

Sandro Giordano Fotografo

Toccare il fondo e strapparci un sorrriso!

Sandro Giordano ha partorito l’idea di questa serie dopo un incidente in bicicletta in cui lui stesso si è “schiantato” al suolo. Proprio per aver vissuto questa esperienza sulla sua pelle lo sguardo del fotografo è sempre partecipe e affettuoso, lontano da ogni forma di giudizio.

Ogni personaggio è rappresentato nel punto più basso della sua esistenza oltre il quale non può più scendere, ma nonostante lo schianto non può fare a meno di stringere fra le dita ciò a cui tiene di più, il simbolo della sua stessa esistenza. Sigarette, junk food, una bottiglia di Jack Daniels… Le ambientazioni, l’abbigliamento, gli accessori che i personaggi tengono stretti fra le dita simboleggiano la facciata esteriore, falsificata a beneficio del mondo,mentre i loro corpi sconfitti e i volti sempre nascosti, rappresentano una verità che si rivela solo nel momento dello schianto.

Attraverso un’estetica pop e ispirandosi ai film di Charlie Chaplin e di Stanlio e Ollio che amava da bambino, il fotografo Sandro Giordano vuole esprimere la tragedia attraverso l’ironia, cercando di strappare un sorriso allo spettatore nell’auspicio di poter contribuire a un mondo più autentico.

• LEGGI ANCHE: Richard Kalvar, il lato buffo della vita

Sandro Giordano Fotografo In Extremis

Sandro Giordano Fotografo

In Extremis - Sandro Giordano Fotografo

Sandro Giordano Fotografo In Extremis - Tanti Auguri a Me

Sandro Giordano Fotografo In Extremis – Tanti Auguri a Me

IN EXTREMIS (bodies with no regret) di Sandro Giordano
9 Febbraio – 8 Aprile 2018
c/o Interface HUB/Art
Via Privata Passo Pordoi 7/3 – Milano

Lascia il tuo commento