Arthur Brouthers, sperimentazioni astratte e figurative

arthur brouthers acrilic paintings

Cercando di imitare il mondo naturale, l’artista Arthur Brouthers ha sviluppato una tecnica pittorica personale che combina strati di vernice, reazioni chimiche e l’imprevedibilità del caso

Arthur Brouthers è il pioniere di una tecnica di pittura fluida e astratta che, attraverso l’uso di vernici acriliche e altri agenti chimici, ottiene effetti imprevedibili, forme organiche, che ricordano immagini cosmiche, formazioni geologiche o strutture cellulari viste al microscopio.

Per anni Arthur Brouthers ha sperimentato l’uso della pittura acrilica prima di mettere a punto la sua tecnica personale, utilizzata sia nei suoi lavori multicolori, totalmente astratti, sia nelle più recenti opere figurative, dove questi metodi non convenzionali sono usati come strati inferiori o come la pelle dei suoi soggetti, che fotografa lui stesso per poi combinarli in un’unica immagine.

Arthur lavora per livelli successivi e utilizza da 4 a 15 strati di resina trasparente tra i diversi strati di vernice acrilica, inchiostri pigmentati e vernice spray in modo da creare spessore e profondità. In questo modo le molteplici stratificazioni di colore regalano alle sue coloratissime opere un interessante effetto tridimensionale.

• LEGGI ANCHE: I dipinti 3D di Riusuke Fukahori

Ascension, 2017

Il mio lavoro è ispirato dall’individualità di tutte le cose fisiche e le energie trovate nel mondo naturale. Indipendentemente dalle loro differenze, ogni cosa ha la capacità di esistere armoniosamente; piante, animali, formazioni rocciose, stelle, gas e tutto quello che c’è. Quando dipingo i miei quadri astratti cerco di imitare quelle imprevedibili leggi della perfezione.

La sua tecnica sperimentale consiste nel versare grandi quantità di vernice su una superficie e intervenire attraverso reazioni chimiche per ottenere immagini che imitano i fenomeni naturali, manipolando la pittura con diversi strumenti per creare le forme volute a ciascun livello. A differenza degli artisti tradizionali che utilizzando spatole e pennelli, Arthur Brouthers utilizza per esempio piccole torce per creare bolle nel colore e modellare la vernice colorata. Il risultato rimane parzialmente imprevedibile, proprio come il mondo naturale che cerca di imitare.
Potete seguire Arthur Brouthers sul su sito web o su Instagram!

Supta REM, 2017 mixed media su legno

Quentin the Poet – acrilico, vernice spray e resina su legno

Lillian, 2017 (Arthur Brouthers in collaborazione con Ben Willis)

Untitled, 2018 (Arthur Brouthers in collaborazione con Emma Lindström) Acrilico, inchiostro, vernice spray, polvere di diamanti e resina su legno.

 

Lascia il tuo commento