Le performance “esplosive” di Cai Guo-Qiang


Cai Guo-Qiang è un artista totalmente eclettico spaziando dal disegno alla pittura all’installazione al video. La sua firma artistica però sono le sue incredibili performance esplosive!

Cai Guo-Qiang è un artista cinese nato a Quanzhou nel 1957 che attualmente vive e lavora a New York. Durante un periodo in Giappone fra il 1986 e il 1995 si accorge delle affinità fra le teorie della fisica e dell’astrofisica occidentale con il Taoismo cinese soprattutto per la teoria del Big Bang e delle origini del mondo come “ordine discendente dal caos“.
E’ da qui che nasce e si radica il suo interesse per le esplosioni e le polveri da sparo, che inizia a sperimentare inizialmente nei suoi disegni e poi spostando la sua esplorazione nel campo delle performance artistiche basate su esplosioni pirotecniche controllate in grande scala.

Cai Guo-Qiang "Inopportune: Stage One," 2004

Cai Guo-Qiang “Inopportune: Stage One,” 2004

Proponendo una sintesi fra la cultura Orientale e quella Occidentale, fra le tradizioni cinesi e il mondo contemporaneo governato dalla tecnolgia, Cai Guo-Qiang immagina le sue performance “esplosive” come uno scambio fra l’osservatore e l’universo intero. Queste performance, potenti ed eccitanti sono allo stesso tempo sature di elementi simbolici e tradizionali: elementi del Taoismo, del Feng Shui, della filosofia cinese e portano lo spettatore a interrogarsi su temi profondi: le esplosioni creano bellezza ed eccitazione e sono la metafora della nascita, della vita e della morte, della memoria umana, di qualcosa più grande di noi.
Il titolo dell’evento al Philadelphia Museum of Art: “Falling Blossoms” (2010) per esempio, fa riferimento proprio al concetto di perdita e profondo dolore di quando una vita è inaspettatamente interrotta.

Cai Guo-Qiang - Philadelphia Museum of Art: “Falling Blossoms” (2010)

Cai Guo-Qiang – Philadelphia Museum of Art: “Falling Blossoms” (2010)

Cai Guo-Qiang - Black Ceremony Rainbow

Cai Guo-Qiang – Black Ceremony Rainbow

Dopo gli attentati dell’11 settembre 2001, l’artista cinese Cai Guo-Qiang si è interrogato sul significato delle sue performance: 

“Why is it important, to make these violent explosions beautiful? Because the artist, like an alchemist, has the ability to transform certain energies, using poison against poison, using dirt and getting gold. What interests me most is that in that moment, space and time combine together. And then there is a moment of violence and destruction, followed by the creation of a mysterious beauty.”

Cai Guo-Qiang ha ottenuto moltissimi premi internazionali e il suo talento è riconosciuto universalmente. E’ stato il curatore del padiglione cinese alla Biennale di Venezia nel 2005 e il Direttore degli effetti speciali per le cerimonie di apertura e chiusura delle Olimpiadi di Beijing del 2008. Nell’ottobre 2013 ha creato One Night Stand (Aventure d’un Soir) un evento “esplosivo” per la Notte Bianca di Parigi. La sua ultima opera, dell’Agosto 2014 è Elegy 8 minuti di esplosioni pirotecniche a Shanghai a rappresentare il declino del mondo.

Cai Guo-Qiang - Elegy

Cai Guo-Qiang – Elegy