Ceramiche antropomorfe di Ronit Baranga

ronit baranga ceramiche antropomorfe

Quello di Ronit Baranga è un servizio da tè decisamente fuori dal comune… nemmeno il Bianconiglio al suo eccentrico party avrebbe mai osato mettere in tavola teiere e tazzine dotate di bocca e dita!

Raramente si vede qualcosa di così inquietante ma allo stesso tempo così ipnotico. Attrazione e repulsione vanno di pari passo quando si osservano le sculture in ceramica dell’artista israeliana Ronit Baranga: oggetti di uso comune come piatti, tazze e vasi da fiori resi antropomorfi e dotati di appendici umane che le animano e le rendono vive.

ceramiche-antropomorfe-ronit-baranga-breakfast

La fascinazione di Ronit Baranga per la mescolanza di elementi animati e inanimati non si ferma alla forma esteriore. Il suo intento è proprio quello di utilizzare le parti del corpo più vive e sensuali (bocca, lingua, mani) su oggetti banali per suscitare un’emozione, qualunque essa sia:

“I would like that anyone who sees my work feels something – what they feel is not relevant to me, as long as they feel. I hope that the emerging feelings will cause the viewers to think about the ideas behind my work… The combination of ceramic cups with ceramic fingers represent an idea in which the still creates a will of its own, enabling a cup to decide whether to stay or leave the situation it is in.”

Dita, bocche e lingue protese hanno anche una connotazione deliberatamente erotica che ribadisce il legame fra cibo e sesso, due appetiti strettamente collegati fra loro. Bocche e dita che si allungano o si aprono in maniera così apparentemente naturale nella ceramica sono inquetanti e sensuali al tempo stesso e provocano una sensazione di disagio in chi le guarda, come  se questi oggetti fossero dotati di una loro volontà, pronti a passeggiare per la tavola, a mangiarsi il contenuto del piatto o a fuggire sulle loro “gambette” dal loro destino di semplici suppellettili.

ronit baranga sculture antropomorfe in ceramica

Il set da tavola “Untitled Feast” di questa originale artista della ceramica, è stato esposto durante l’estate 2015 a Dismaland, lo sconcertante parco del non-divertimento creato dallo street artist Banksy, nell’ambito di una mostra d’arte internazionale con più di 50 artisti provenienti da 17 nazioni.

sculture antropomorfe in ceramica

ceramiche-antropomorfe-ronit-baranga

ronit-baranga-ceramiche-antropomorfe

ronit baranga sculture in ceramica

ronit-baranga-artemis

Lascia il tuo commento