Le Bolle prima della Nuvola… di Fuksas

bolle di fuksas bassano del grappa

Le Bolle di Fuksas a Bassano del Grappa sono uno dei pochi esempi di architettura contemporanea italiana realizzati (e finiti) che possa competere con il resto del mondo.

Visto che a 5 anni dall’inaugurazione prevista nel 2010, ancora non si hanno notizie della Nuvola di Fuksas, consoliamoci almeno con le Bolle. No, non quelle che ci vengono pensando ai milioni di euro buttati per un mammozzone orrendo che non vedrà mai la luce, ma quelle di Bassano del Grappa.

All’interno del parco che ospita la distilleria Nardini a Bassano, sorgono infatti le Bolle di Fuksas, un’opera di architettura futuristica e supertecnologica che nasce come laboratorio di ricerca con la volontà di promuovere la cultura della grappa grazie anche a eventi e visite guidate.

Realizzate fra il 2002 e il 2004 e presentate in occasione del 225° anniversario della fondazione dell’azienda, nelle intenzioni dichiarate dallo stesso Massimiliano Fuksas le Bolle sono “un grande alambicco di vetro dedicato alla distilleria Nardini”, e allo stesso tempo un omaggio al territorio che la ospita.
Il progetto di Massimiliano e Doriana Fuksas ha una struttura complessa: i due volumi sospesi sembrano fluttuare nell’aria e si contrappongono per eleganza e leggerezza a uno spazio sotterraneo scolpito nel terreno che ospita un auditorium da 100 posti cui si accede attraverso una rampa discendente.
Le bolle ellissoidali accolgono i laboratori del centro di ricerca e poggiano su sottili colonnine inclinate che aumentano il senso di leggerezza e dinamismo della composizione. Sono racchiuse da una membrana completamente trasparente che consente di ammirare il bellissimo panorama a 360°.

distilleria-bolle-nardini-massimiliano-fuksas

Alla tecnologia e alla leggerezza delle bolle in vetro e acciaio che si stagliano nel cielo con le loro forme arrotondate, si contrappone la “brutalità” della sala conferenze ipogea in cemento armato, dalle forme rigide e squadrate.
La netta separazione fra i due mondi è segnata da uno specchio d’acqua profondo solo pochi centimentri che moltiplica i punti di vista e riverbera la luce. Una superficie liquida punteggiata da una serie di lucernari che durante il giorno fanno filtrare la luce nello spazio sottostante e di notte si trasformano in fonti di luce.

bolle-nardini-bassano-del-grappa

distilleria-nardini-fuksas

fuksas-bolle-nardini-bassano

bolle-fuksas-ph-maurizio-marcato

nardini-research-centre-fuksas